Tematiche:  Primissima infanzia

Alcune riflessioni sull'equilibrio come organizzatore dello sviluppo

Dott.ssa Myrtha Chokler

In psicomotricità alla funzione dell'equilibrio si riserva di solito un posto importante, ma abbastanza scollegato dallo sviluppo globale della persona. Nei manuali vengono descritti molti esercizi per "migliorare" l'equilibrio statico e dinamico e nei testi teorici sono riportati i complessi circuiti neurofisiologici che lo controllano. Gli apporti di H. Wallon, i lavori di E. Pikler sull'esperienza nell'Istituto Loczy a Budapest e la tesi di laurea di Agnès Szanto sullo sviluppo motorio in rapporto alle leggi dell'equilibrio sono alla base di una serie di riflessioni che mi hanno portato a considerare l'equilibrio tonico posturale come il quarto organizzatore dello sviluppo.

Leggi tutto »


Bambini, genitori e nuove tecnologia: fattori di prevenzione e rischio secondo le ricerche più recenti

di Andrea Campagna

Premessa

Un articolo della Società Italiana di Pediatria (Bozzola et al., 2018) ha richiamato l’attenzione dell’opinione pubblica sul delicato rapporto tra i nuovi media digitali (in particolare i dispositivi mobili come smartphone e tablet) e l’infanzia. La diffusione di nuove tecnologie può suscitare, come è accaduto in passato per la stampa, la radio e la televisione, sospetti e domande. Anche nel caso dei nuovi media digitali (NMD) si è assistito a un atteggiamento di questo tipo. Quali sono gli effetti sulla popolazione infantile? Quali sono i fattori che ne aumentano o ne mitigano l’eventuale influenza? Tali domande vanno contestualizzate considerando alcune caratteristiche peculiari di questo tema, tra cui la relativa “novità” dei NMD (Apple ha presentato il primo iPhone nel 2007 e iPad nel 2010), la loro rilevanza tecnologica (hanno reso “portabile” la potenza di calcolo precedentemente riservata ai soli computer “fissi”) e la portata globale e pervasiva del fenomeno, con 3,2 miliardi di utenti smartphone nel 2019 e una percentuale di penetrazione pari al 40% rispetto alla popolazione totale (Smartphone Penetration Worldwide 2014-2021, s.d.).

I NMD sono diventati oggetti “quotidiani”, presenti e disponibili nell’ambiente prossimale dei bambini fin dai primi giorni di vita; Nota sulle pubblicazioni utilizzate: la selezione riguarda articoli pubblicati su riviste scientifiche internazionali, valutando elementi di pertinenza e autorevolezza; nonostante la presenza di importanti pubblicazioni sul tema anche in anni precedenti, si sono privilegiate, in linea generale, quelle relative al triennio 2018-2020.

Leggi tutto »


Come si mette in gioco il bambino quando gioca

Dott.ssa Myrtha Chokler - Traduzione Dott. Luis Stoppiello

Il gioco è prima di tutto un diritto del bambino, una attività piacevole essenziale che contribuisce alla costruzione del soggetto. Nel processo di costituzione dell'identità, uno degli strumenti privilegiati è il gioco e, in età precoce, in modo particolare il gioco corporeo, sensomotorio e simbolico, i cui diversi livelli permettono l'esibizione, il dominio della motricità, la strutturazione dello spazio, la conoscenza e la comprensione progressiva della realtà e, allo stesso tempo, l'espressione di sè, l'elaborazione e la simbolizzazione dei desideri, timori, potenzialità e fantasie inconsce. In questa tappa sono essenziali, per il bambino, i giochi autonomi "di base" : hanno come asse la sensomotricità, il piacere del movimento, il piacere della scoperta e dell'appropriazione del corpo e, a partire da qui, influiscono nell'organizzazione, nella strutturazione,  destrutturazione e ristrutturazione dello schema corporeo e dell'immagine del corpo e di sè.

Leggi tutto »


Il concetto di gioco: le radici della attività ludica

Autore: Prof.ssa Myrtha H. Chokler - Trad. prof. Luis Stoppiello

Il gioco è prima di tutto un diritto del bambino, una attività ludica, piacevole, essenziale che contribuisce alla costruzione della soggettività.

Lungo l'arco del complesso processo di costituzione dell'identità, uno degli strumenti privilegiati è proprio il gioco e, all'inizio in particolare, il gioco corporeo, sensoriomotorio e simbolico, i cui diversi livelli permettono la messa in atto e il dominio della motricità, la strutturazione dello spazio, la conoscenza e la comprensione progressiva della realtà e, allo stesso tempo l'espressione di sè assieme all'elaborazione e alla simbolizzazione di desideri, timori, potenzialità e fantasie inconsce.

Leggi tutto »


Intervento precoce nella prevenzione della sindrome di iperattività e dei disturbi attenzionali

Autrice Dott.ssa Myrtha Chokler - Traduzione Dott. Luis Stoppiello

Questa relazione è stata presentata nel Congresso Mondiale di Educazione Speciale tenuto dal 6 al 9 settembre 2000 nella città argentina di Mendoza. La finalità di questo lavoro è apportare alcune idee per continuare la riflessione sulle tematiche che ci convocano e interpellano costantemente, siccome il nostro principale scopo è di occuparci degli adulti che, a loro volta volta, si occupano dei bambini. Di adulti in relazione con la comunità perchè questa, consapevole di suoi bisogni percorra le proprie strada che li portino a risolverli dalla convinzione che la prevenzione vale di più della predizione e di più ancora della riparazione.

Leggi tutto »


Selezione

Tematiche

Famiglia
Filosofia
Formazione
Gioco
Pedagogia
Primissima infanzia
Psicoanalisi
Psicodramma
Psicologia
Psicologia sociale
Psicomotricità
Scuola
Studio dell'immaginario
Articoli in lingua spagnola

Autori


Copyright

La proprietà degli articoli pubblicati appartiene ai relativi autori. E' possibile utilizzare e riutilizzare i contenuti pubblicati con l'unico vincolo di citare la fonte