IL CORPO, LE PAROLE, LE EMOZIONI: LA COSTRUZIONE E LA NARRAZIONE DEI RACCONTI

Docente: Paola Gherardi

Bologna, 2021

Iscrizioni entro il 31-03-21

IL CORPO,  LE PAROLE,  LE EMOZIONI: LA COSTRUZIONE E LA NARRAZIONE DEI RACCONTI

METODOLOGIA

Ogni laboratorio ha come tema un distretto del corpo, con richiamo a precise funzioni di base, azioni e comportamenti. Attraverso proposte mirate di movimento, di esplorazione sensoriale, di gioco, integrate al linguaggio dell’arte, tali parti, funzioni ed azioni vengono aperte ed ascoltate nelle loro componenti fondamentali per scoprirne il carattere, il tono e l’organizzazione quanto l’immaginario ad esse collegato.

Si alternano momenti di lavoro personale, di coppia e in piccolo gruppo per approdare alla parola scritta come esito finale di un percorso di ricerca concreta.

Le storie sono lette e ascoltate nel “cerchio narrativo”: un luogo, un tempo, un sistema di relazioni reciproche per raccontarsi e raccontare, da vivere e far proprio per poterlo poi usare e riproporre.

 

CONTENUTI DEI LABORATORI

  • I distretti del corpo: anatomia vissuta. Tocco, movimento, immaginazione.

  • Corpo reale e corpo della storia: analogie e passaggi tra strutture/funzioni corporee e strutture/movimenti narrativi.

  • Raccontarsi e raccontare attraverso materie, oggetti, immagini, suoni.

  • La presenza simbolica nelle produzioni e nell’espressività quotidiane.

  • Il corpo nel folclore, nelle fiabe, nella letteratura per l’infanzia: la prospettiva psicomotoria come aiuto alla lettura e alla scelta di materiali di lavoro.

          

GLI APPOGGI - appoggiarsi, prendere posizione. sentire i confini del corpo.

Prendere forma, prendere vita.

 

LA COLONNA VERTEBRALE - movimenti della colonna, orientamento e percezione dello spazio, personale e generale.

Dalla testa alla coda, dalla coda alla testa.

 

IL BACINO - il distretto del bacino, motore del corpo. Dare inizio, contenere e far passare.

La forza dei lombi.

 

SPALLE, BRACCIA E MANI - Sostenere, prendere, dare.

Aprire le ali.

 

I PIEDI - Incontrare la gravità. Cadere, lasciare, riprendere.

Con i piedi per terra.

 

LA VISTA - importanza degli occhi nell’organizzazione del movimento. Guardare, guardarsi, immaginare per fare.

Aver la vista lunga.

I laboratori sono collegati ma al tempo stesso ognuno ha un carattere proprio. Questo permette di partecipare ad uno, alcuni o tutti secondo le proprie disponibilità e interessi.


NOTE ORGANIZZATIVE
il laboratorio si terrà presso la sede dell'Istituto I.F.R.A. e si svilupperà con i seguenti orari: sabato dalle ore 10,00 alle 18,00 e domenica dalle ore 10,00 alle 17,00, con una pausa per il pranzo in entrambe le giornate.
Le domande di iscrizione dovranno pervenire alla segreteria dell'Istituto entro e non oltre il 31/03/2021.
Il Laboratorio verrà attivato solo a raggiugimento del numero minimo di 16 partecipanti.

La quota di iscrizione ad ogni incontro ammonta a 244,00 ( 200,00 + IVA 22%), da versare sul conto corrente bancario n.56758941 di Crédit Agricole IBAN IT71D0623002400000056758941, intestato a I.F.R.A. di Bologna.       

Le domande di iscrizione devono pervenire alla segreteria dell'Istituto.
A chi si iscrive all’intero ciclo di incontri viene praticato uno sconto del 20% pari a 195,20 per ogni incontro.

Il numero dei posti disponibili è limitato a 20.
A tutti i partecipanti sarà rilasciata l'attestazione di frequenza e regolare fattura.

Per informazioni ed iscrizioni la segreteria dell’Istituto è raggiungibile telefonicamente dal lunedì al sabato dalle
ore 9,30 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00, tel. 051.232413, e-mail: info@ifra.it, www.ifra.it.